Salute della donna

Soluzioni avanzate in OB/GYN

Nel corso dell'ultimo decennio, siamo fieri di aver costruito la nostra reputazione come leader di settore nell'Imaging Ostetrico-Ginecologico, grazie alla eccellente qualità dell'immagine, alla superiore affidabilità dei sistemi e per l'impiego di tecnologie all'avanguardia. Le nostre piattaforme rappresentano la scelta ideale per una eccezionale diagnostica ecografica nel campo della Salute delle Donne.

Il nostro impegno, dedicato alla diagnostica ecografica, ci permette di offrire una vasta gamma di prodotti in grado di soddisfare le esigenze di ogni professionista operante nel settore della salute delle donne. Dai nostri sistemi premium a quelli per lo studio specialistico, possiamo offrire la soluzione più appropriata per qualsiasi struttura sanitaria ed esigenza diagnostica.

Convex

C251
C251
C252
C252
C35
C35
C253
C253
EUP-C532
EUP-C532
EUP-C715
EUP-C715
UST-9102U-3.5
UST-9102U-3.5
UST-9115-5
UST-9115-5
UST-9123
UST-9123
UST-9130
UST-9130
UST-9133
UST-9133
UST-9127
UST-9127
UST-9147
UST-9147

Lineare

L34
L34
L44
L44
L55
L55
L64
L64
EUP-L53L
EUP-L53L
EUP-L74M
EUP-L74M
EUP-L75
EUP-L75
UST-568
UST-568
UST-5712
UST-5712
UST-567
UST-567

Endocavitari

C41B
C41B
C41V1
C41V1
EUP-V53W
EUP-V53W
EUP-V73W
EUP-V73W
UST-9118
UST-9118
UST-9124
UST-9124
UST-984-5
UST-984-5

3D/4D

VC34
VC34
VL54
VL54
VC41V
VC41V
VC35
VC35
EUP-CV724
EUP-CV724
EUP-LV74
EUP-LV74
EUP-VV531
EUP-VV531
ASU-1010
ASU-1010
ASU-1012
ASU-1012
ASU-1014
ASU-1014

Biopsia/Intraoperatoria

C22K
C22K
C22P
C22P
C25P
C25P
C42K
C42K
EUP-B512
EUP-B512
EUP-B514
EUP-B514
EUP-B712
EUP-B712
EUP-B715
EUP-B715
UST-9135P
UST-9135P
UST-9120
UST-9120
  • 4D
    L'imaging 4D è supportato in tutte le piattaforme grazie a trasduttori leggeri ed ergonomici per coprire l'intero periodo gestazionale. Tra le funzioni che aumentano il valore diagnostico di questa modalità vi sono: 3D ad alta definizione in tempo reale, modalità avanzate come MPR/MULTISCAN, unite alla semplicità di memorizzazione e recupero dei dati volume 3D.
  • Elastografia tissutale in tempo reale (RTE)
    Nelle applicazioni mammarie, RTE ha dimostrato di migliorare la precisione nella differenziazione dei tumori benigni da quelli maligni, specialmente se inferiori a 1 cm, e di innalzare la specificità rispetto alla classificazione US Bi-Rads, per le lesioni benigne. Il risultato è che l'elastografia è in grado di ridurre la frequenza di biopsie nei casi di cisti atipiche e può suggerire il checkup adeguato per i tumori con presentazioni atipiche. Dati preliminari hanno mostrato che la cervice normale risulta più “morbida” all'elastografia rispetto a quanto avviene nelle pazienti affette da cancro della cervice.
  • Ecografia dutto-radiale
    Il ruolo degli ultrasuoni nelle indagini mammarie è limitato da diversi fattori: l'analisi e l'interpretazione pongono diverse difficoltà, i risultati spesso non sono facilmente riproducibili e la qualità è fortemente dipendente dalle capacità dell'operatore. Inoltre, negli ultrasuoni mammari convenzionali, le scansioni trasversali e longitudinali vengono eseguite perpendicolarmente alla direzione del dotto.
    • perfetto contatto tra pelle e trasduttore poiché la sacca si adatta alla forma della mammella
    • riduzione degli artefatti dalla pelle e dalle ombre dietro i legamenti di Cooper
    • migliore visualizzazione dei dotti all'interno del capezzolo e buona visualizzazione dietro la regione dell'areola
    • migliore risoluzione del contrasto
    Questa modalità di scansione non riesce a cogliere la disposizione radiale dell'anatomia della mammella. I tumori vengono rilevati solo quando presentano un volume sufficiente, mostrano un contrasto anomalo e sono percettibili, indipendentemente dall'orientamento della scansione.
    Un metodo d'indagine anatomico, basato sull'identificazione delle strutture mammarie interne, Ductal Echography, è stato introdotto nel 1987 dal Dottor Teboul. Questa tecnica si basa sulla scansione radiale con scansioni eseguite lungo l'asse duttale. Grazie a questa tecnica l'osservatore indaga attivamente sulle strutture epiteliali seguendo in modo preciso il sistema duttale in ciascun lobo mammario. L'ecografia duttale consente al medico di visualizzare, delineare e quindi differenziare il lobo, i legamenti di Cooper, la fascia (superficiale e pettorale), il tessuto adiposo e la parete toracica.
    • Comprensione dell'anatomia
    • Analisi di eventuali alterazioni del lobo o dei dotti
    • Rilevamento di lesioni pre-tumorali o sospette in fase molto precoce
    • Buona riproducibilità
    • Localizzazione accurata della lesione
    Per eseguire la tecnica della scansione radiale attorno al capezzolo, la scelta migliore è un trasduttore lineare lungo ad alta frequenza, come il modello L53L. Inoltre, è disponibile un distanziatore a bagno d'acqua che offre:
    • perfetto contatto tra pelle e trasduttore poiché la sacca si adatta alla forma della mammella
    • riduzione degli artefatti dalla pelle e dalle ombre dietro i legamenti di Cooper
    • migliore visualizzazione dei dotti all'interno del capezzolo e buona visualizzazione dietro la regione dell'areola
    • migliore risoluzione del contrasto
Cuore fetale con STIC
Cuore fetale con STIC
Utero con sonda T/V
Utero con sonda T/V
Viso fetale con 4Dshading
Viso fetale con 4Dshading
Arco aortico con eFLOW
Arco aortico con eFLOW
Tumore della cervice visto in RVS (Real-time Virtual Sonography)
Tumore della cervice visto in RVS (Real-time Virtual Sonography)
Scansione 1° trimestre con sonda lineare ad alta frequenza
Scansione 1° trimestre con sonda lineare ad alta frequenza
  1. Ami O., Lamazou F., Mabille M., et al. Real-time transvaginal elastosonography of uterine fibroids. Ultrasound Obstet Gynecol 2009; 34: 486–488
  2. Cho N., Moon W.K., Park J.S., et al. Nonpalpable breast masses: evaluation by US elastography. Korean J Radiol, March 1, 2008; 9(2): 111-8.
  3. Cho N., ., Moon W.K., Park J.S. Real-time US elastography in the differentiation of suspicious microcalcifications on mammography. Eur Radiol. 2009 Jul;19(7):1621-8.
  4. Cho N., Moon W.K., Kim H.Y., et al. Sonoelastographic strain index for differentiation of benign and malignant nonpalpable breast masses. . J Ultrasound Med 2010; 29:1–7
  5. Chung SY, Moon WK, Choi JW, et al. Differentiation of benign from malignant nonpalpable breast masses: a comparison of computer-assisted quantification and visual assessment of lesion stiffness with the use of sonographic elastography. Acta Radiol. 2010 Feb;51(1):9-14.
  6. Farrokh A,Wojcinski S, Degenhardt F. Diagnostic value of strain ratio measurement in the differentiation of malignant and benign breast lesions. Ultraschall Med. 2010 Apr 27.
  7. Havre R.F.,Elde E., Gilja O.H., et al. Freehand real-time elastography: impact of scanning parameters on image quality and in vitro intra- and interobserver validations. Ultrasound Med Biol. 2008 Oct;34(10):1638-50.
  8. Itoh A., Ueno E., Tohno E., et al. Breast disease: clinical application of US elastography for diagnosis. Radiology 2006;239:341-350
  9. Moon W.K., Huang C-S., Shen W-C., et al. Analysis of elastographic and B-mode features at sonoelastography for breast tumor classification. Ultrasound Med Biol, 2009 Nov;35(11):1794-802
  10. Raza S., Odulate A., Ong E., et al. Using real-time tissue elastography for breast lesion evaluation. Our initial experience. J Ultrasound Med 2010; 29:551–563
  11. Scaperrotta G., Ferranti C., Costa C., et al. Role of sonoelastography in non-palpable breast lesions. Eur Radiol. 2008:18 (11); 2381 - 9
  12. Tan S.M., Teh H.S., Kent Mancer J.F., et al. Improving B mode ultrasound evaluation of breast lesions with real-time ultrasound elastography- a clinical approach.The Breast; 17 (2008):252 – 257
  13. Thomas A., Fischer T., Frey H., et al. Real-time elastography - an advanced method of ultrasound: first results in 108 patients with breast lesions. Ultrasound Obstet Gynecol 2006, Sep;28 (3): 335-340
  14. Thomas A.Picture of the month: Imaging of the cervix using sonoelastography. Ultrasound Obstet Gynecol 2006, Sep;28 (3): 356-357
  15. Thomas A., Kümmel S., Fritzsche F., et al. Real-time sonoelastography performed in addition to B-mode ultrasound and mammography: improved differentiation of breast lesions? Acad Radiol. 2006 Dec;13(12):1496-504
  16. Thomas A., Kümmel S., Gemeinhardt O., et al. Real-time sonoelastography of the cervix: tissue elasticity of the normal and abnormal cervix. Acad Radiol 2007; 14:193–200
  17. Thomas A, Degenhardt F, Farrokh A, et al. Significant differentiation of focal breast lesions: calculation of strain ratio in breast sonoelastography. Acad Radiol. 2010 May;17(5):558-63. Epub 2010 Feb 20.
  18. Wojcinski S, Farrokh A, Weber S, et al. Multicenter study of ultrasound real-time tissue elastography in 779 cases for the assessment of breast lesions: improved diagnostic performance by combining the BI-RADS®-US classification system with sonoelastography. Ultraschall Med. 2010 Apr 20.
  19. Yamaguchi S., Kamei Y., Kozuma S., et al. Tissue elastography imaging of the uterine cervix during pregnancy. JMed Ultrasonics (2007) 34:209–210 Ultrasound image of the month
  20. Zhi H., Ou B., Luo B., et al. Comparison of ultrasound elastography, mammography, and sonography in the diagnosis of solid breast lesions. J Ultrasound Med 2007; 26: 807–815
  21. Zhi H., Xiaa XY., Yang H-Y., et al. Semi-quantitating stiffness of breast solid lesions in ultrasonic elastography. Acad Radlol 2008; 15:1347-1353
  22. Recommended reading: 
    M. Teboul, Practical ductal echography, guide to intelligent and intelligible ultrasonic imaging of the breast, editorial Medgen, 2004, pp. 15-98